Siccagno Nero d'Avola terre siciliane IGT (Occhipinti) - Vino rosso

Arianna Occhipinti Arianna Occhipinti

Nuovo

Classificazione: terre siciliane igt

Varietà: Nero d'Avola

Altitudine: 280 s.l.m.

Terreno: media consistenza. Proviene da sabbie sub appeniniche di natura calcarea

Agricoltura: biologica, nessun intervento chimico

Sistema di allevamento: guyot e alberello

Età media delle piante: 35 anni

Epoca di vendemmia: prima decade di ottobre

Maggiori dettagli

26,00 €

tasse incl.

logocivico14-azzurro-413x250.png

Spedizioni in tutto il mondo

Consegna in 24/36 ore

I nostri prodotti sono di alta qualità

Acquisti sicuri nel nostro negozio online

Il Siccagno è il mio Nero d’Avola, nato da quell’uva concentrata che appunto si dice Siccagna. Il Nero che tanto racconta la Sicilia, che è selvaggio, ma anche fresco ed elegante, al sapore di frutti rossi. Che ha un che di nobile e aristocratico, ma anche malinconico come un poeta o un filosofo. Che è passionale, pieno di calore umano e di contrasti. Il Nero che è l’uva dei nostri padri e unisce la Sicilia da angolo ad angolo e meglio ne coglie da secoli lo spirito. Un vino che amo profondamente, e che fin dal primo anno è sempre con me. (Arianna Occhipinti)

Nessuna recensione dei clienti al momento.

Scrivi una recensione

SP68 Nero d'Avola e Frappato terre siciliane IGT (Occhipinti) - Vino rosso

Classificazione: terre siciliane igt

Varietà: frappato 70% nero d’avola 30%

Altitudine: 280 s.l.m.

Terreno: media consistenza. Proviene da sabbie sub appeniniche di natura calcarea agricoltura biologica, nessun intervento chimico

Sistema di allevamento: guyot e cordone speronato

Età media delle piante: 15 anni

Epoca di vendemmia: ultima settimana di settembre, prima decade di ottobre

Tutto è nato dodici anni fa a Fossa di Lupo. Un luogo magico dove la terra, che la sera si colora di rosso ed è pettinata dal vento che arriva dagli Iblei, si appoggia da un lato a una strada: l’SP68. Una strada statale come tante, ma con una storia speciale. Un tempo era di pietra, stretta poco più di un sentiero; tremila anni fa collegava Gela a Kamarina, percorreva - come oggi - le strade del Cerasuolo di Vittoria e da Caltagirone proseguiva per Catania e Lentini. Lì, stretta tra cielo e terra, la linea di quella strada segnava anche il mio destino. Al primo ettaro di terra accanto al mio palmento, a Fossa di Lupo, ne sono seguiti altri. L’azienda si è estesa anche nelle contrade Bombolieri, Bastonaca e Pettineo.


Eppure è ancora come il primo anno. Anche Bombolieri si trova sull’SP68. La vigna qui spazia e s’ingobbisce sullo zoccolo calcareo della contrada, le viti sono di venti e più anni, e la corte su cui affacciano le cantine riesce a intrappolare tutta la forza solare degli Iblei. Mai come in questo nuovo approdo mi sento di aver percorso una strada coerente. Mai come a Bombolieri sento che mi sto portando dietro passato e futuro allo stesso tempo. Era la più antica strada del vino mai attestata. Su quella strada generazioni e generazioni di contadini si erano messi in marcia per portare il loro vino fino alla costa. (Arianna Occhipinti)

Accept Site use cookies