Il Frappato terre siciliane IGT (Occhipinti) - Vino rosso

Arianna Occhipinti Arianna Occhipinti

Nuovo

Classificazione: terre siciliane Igt

Varietà: frappato di Vittoria

Altitudine: 280 S.L.M.

Terreno: media consistenza. Proviene da sabbie sub appeniniche di natura calcarea

Agricoltura: biologica, nessun intervento chimico

Sistema di allevamento: guyot e alberello

Età media delle piante: 40 anni

Epoca di vendemmia: prima decade di ottobre

Annata: 2013

Maggiori dettagli

25,00 €

tasse incl.

logocivico14-azzurro-413x250.png

Spedizioni in tutto il mondo

Consegna in 24/36 ore

I nostri prodotti sono di alta qualità

Acquisti sicuri nel nostro negozio online

Il Frappato nasce dal mio sogno di ragazza di fare un vino che sapesse della terra che lavoro, dell’aria che respiro, e dei miei stessi pensieri. È aspro, sanguigno ed elegante. È Vittoria e i monti Iblei. È il vino che più mi somiglia, coraggioso, originale e ribelle. Ma non solo. Ha origini contadine, per questo ama le sue radici e il passato che si porta dentro; ma, nello stesso tempo, è capace di lottare per migliorarsi. Conosce la raffinatezza senza dimenticare mai se stesso. (Arianna Occhipinti)

Nessuna recensione dei clienti al momento.

Scrivi una recensione

SP68 Nero d'Avola e Frappato terre siciliane IGT (Occhipinti) - Vino rosso

Classificazione: terre siciliane igt

Varietà: frappato 70% nero d’avola 30%

Altitudine: 280 s.l.m.

Terreno: media consistenza. Proviene da sabbie sub appeniniche di natura calcarea agricoltura biologica, nessun intervento chimico

Sistema di allevamento: guyot e cordone speronato

Età media delle piante: 15 anni

Epoca di vendemmia: ultima settimana di settembre, prima decade di ottobre

Tutto è nato dodici anni fa a Fossa di Lupo. Un luogo magico dove la terra, che la sera si colora di rosso ed è pettinata dal vento che arriva dagli Iblei, si appoggia da un lato a una strada: l’SP68. Una strada statale come tante, ma con una storia speciale. Un tempo era di pietra, stretta poco più di un sentiero; tremila anni fa collegava Gela a Kamarina, percorreva - come oggi - le strade del Cerasuolo di Vittoria e da Caltagirone proseguiva per Catania e Lentini. Lì, stretta tra cielo e terra, la linea di quella strada segnava anche il mio destino. Al primo ettaro di terra accanto al mio palmento, a Fossa di Lupo, ne sono seguiti altri. L’azienda si è estesa anche nelle contrade Bombolieri, Bastonaca e Pettineo.


Eppure è ancora come il primo anno. Anche Bombolieri si trova sull’SP68. La vigna qui spazia e s’ingobbisce sullo zoccolo calcareo della contrada, le viti sono di venti e più anni, e la corte su cui affacciano le cantine riesce a intrappolare tutta la forza solare degli Iblei. Mai come in questo nuovo approdo mi sento di aver percorso una strada coerente. Mai come a Bombolieri sento che mi sto portando dietro passato e futuro allo stesso tempo. Era la più antica strada del vino mai attestata. Su quella strada generazioni e generazioni di contadini si erano messi in marcia per portare il loro vino fino alla costa. (Arianna Occhipinti)

Accept Site use cookies